Newsroom

Maggio 2016

Sversamento greggio a Genova: IPLOM affida la MISE a BELFOR

BELFOR è stata chiamata a gestire le operazioni di Messa in Sicurezza in stato di Emergenza, in seguito all’incidente occorso alla condotta della Iplom a Genova.

La notte di domenica 17 aprile la rottura di una tubatura interrata della raffineria, ha provocato la fuoriuscita di 500 metri cubi di petrolio, che si sono riversati nel rio Fegino e poi nel torrente Polcevera, a Genova.

La mattina successiva, il 18 aprile alle 11.30, i tecnici di BELFOR Italia erano sul posto per la definizione del piano operativo per la Messa in Sicurezza d’Emergenza con l’obiettivo di raccogliere e contenere il prodotto fuoriuscito in fase libera.

L’intervento, costantemente condiviso con Iplom e con la Prefettura di Genova, il Sindaco di Genova e della Città Metropolitana, il Comandante della Capitaneria di Porto di Genova, l’Assessore comunale alla Protezione civile, ed i rappresentanti della Regione Liguria, dei Vigili del Fuoco, di ARPAL, ASL 3 Genovese e ISPRA, ha permesso di raggiungere l’obiettivo prefissato di recuperare entro la giornata di sabato 23 aprile oltre il 90% del greggio in fase libera fuoriuscito a causa dell’incidente.

Nelle settimane successive sono state completate le operazioni di MISE su tutti gli alvei dei torrenti Rio Pianego, Rio Fegino e Polcevera, dove vengono mantenuti, a titolo precauzionale, presidi antinquinamento, mentre proseguono le attività nella zona di rottura dell’oleodotto..