Risanamento da amianto e sostanze tossiche

Dal divieto di utilizzazione di amianto del 1990 si applicano numerose misure di risanamento nelle strutture costruttive che contengono questo materiale. In questo caso con i nostri specialisti qualificati assicuriamo uno smontaggio e smaltimento tecnicamente corretti delle vecchie strutture e il ripristino delle installazioni antincendio.

Si definisce amianto un gruppo di minerali in fibre, che si estrae soprattutto in Canada, negli Urali, nella Siberia orientale e in Sudafrica. Le eccezionali proprietà dei materiali, soprattutto la resistenza al calore e la resistenza agli agenti chimici aggressivi, hanno fatto si che l'amianto fosse impiegato fin dall'inizio degli anni '80 per oltre 3000 scopi applicativi e prodotti. Le caratteristiche, che rendono l'amianto un materiale talmente superiore tecnicamente, presentano un rovescio della medaglia terribile per la salute umana. Le fibre d'amianto, assorbite attraverso le vie respiratorie, con una lunghezza superiore a 5 um e un diametro inferiore a 3 um, possono penetrare nei polmoni e determinare l'insorgenza di gravi malattie nei polmoni e nella pleura.

Requisiti SUVA
Per l'esecuzione di tutti i lavori di demolizione e di risanamento di prodotti a base di amianto a legame debole sono ammesse solo società che possono comprovare di possedere la competenza tecnica e i mezzi tecnici per eseguire con successo il risanamento da amianto. A questo scopo si impiegano solo tecnici esperti, che dispongono di competenza ed esperienza sia nelle metodologie, sia nelle misure protettive e che conoscono i possibili rischi per la salute. Gli addetti al risanamento da amianto devono essere autorizzati dalla SUVA e devono eseguire i lavori in conformità alle direttive della Commissione Federale di coordinamento per la Sicurezza sul Lavoro (CFSL).

Sicurezza sul lavoro
BELFOR esegue il risanamento da amianto rispettando le più severe norme precauzionali con apparecchi speciali e dispositivi di protezione e si attiene sempre alle prescrizioni della direttiva CFSL 6503.